Omaggio al Classico
 Tutto Ciaikovski
 Don Chisciotte
 Coppelia
 I Grandi Pas De Deux
 Balletto D'Europa
 Sinfonie in Danza
 Gala di Balletto
 Sagra della Primavera
 Conferenza Spettacolo
  In Attesa del Nuovo Tempo
 Omaggio A Franz Liszt
 La Pace è Bella
 Raymonda
 Ground Zero - Nuovo Giardino
 

“CONFERENZA SPETTACOLO”

 "La danza in Europa ieri e oggi"

arte - storia - spettacolo

Durata 90' - 4/6 Ballerini  - 1 Oratore

Video

 

Rassegna Stampa

Programma

ORIGINI DELLA DANZA

RADICI EUROPEE

Tarantella – minuetto francese – danza spagnola – danza polacca

LA DANZA CLASSICA

Esercizi di studio alla sbarra e al centro, salti e punte

L’ARTE DEL BALLETTO

Brani tratti dal repertorio classico e neoclassico

RELATORE: LILIANA COSI

Si può  rappresentare in: Teatri, Palazzetti dello sport, Palestre scolastiche interne alle scuole.

 Nel quadro di un’esigenza che si fa sempre più viva in una società che si sta delineando multirazziale e multiculturale, educare i ragazzi e i giovani alla mondialità, alla non violenza, all’armonia nei rapporti tra “diversi”, allo scambio dei valori delle diverse culture è oggi una sfida indispensabile.

L’arte del balletto può essere un momento particolarmente costruttivo e attraente di questo difficile compito educativo.  Il fascino della danza, la sua magia, la sua tradizione, la sua storia, le ricchezze culturali e artistiche dei vari Paesi europei che esprime e fonde in armonia, sono i principali elementi che caratterizzano le insolite lezioni proposte dalla Compagnia  Balletto  Classico  di Liliana Cosi e Marinel Stefanescu.

Teoria e pratica si fondono. In un’ora e mezza gli studenti sono condotti da Liliana Cosi attraverso la storia del balletto dalle origini, attorno al 1500, sino ai nostri giorni, vengono rivissuti i diversi periodi storici e le tradizioni di vari Paesi europei: Spagna, Italia, Francia, Polonia, Russia. Ogni intervento parlato è tradotto in passi di danza dai componenti del Corpo di ballo che presentano le più significative espressioni della cultura europea: dalla scanzonata tarantella napoletana, alla grazia del minuetto francese, alla danza spagnola con il flamenco appassionato, alla vivacità della mazurka polacca.  Non mancano esercizi di pura Danza classica come esempio della massima armonia che si possa raggiungere col corpo umano, come un vero linguaggio universale, per arrivare ad esprimere, a comunicare qualcosa dell’infinita gamma di sfumature della vita dell’uomo. Attingendo da ciascun paese peculiarità, ritmi, tradizioni musicali, il balletto si è venuto via via imponendo come una delle attrazioni più affascinanti e culturalmente elevate. Questa fusione artistica viene presentata da brani tratti  da balletti di repertorio come Coppelia di Leo Delibes, la Bella Addormentata nel Bosco di Ciaikovski per gli allievi delle scuole elementari e prima media, mentre  brani scelti dal repertorio anche neoclassico e moderno per i più grandi come il Clair de lune di Debussy e il Sogno d’amore di Liszt, ecc.. Le conferenze-spettacolo - come le hanno battezzate i loro promotori - sono state sperimentate da alcuni anni con sorprendente successo: catalizzano l’attenzione e suscitano  l’entusiasmo degli studenti dalle elementari alle superiori, non solo in Italia, ma anche all’estero. Significativa quella realizzata nel 1992 al liceo George Washington nella zona nera di Los Angeles che era stata specchio di gravissimi fatti di violenza. Lo stesso direttore generale del Dipartimento cultura della metropoli presente alla lezione si è meravigliato nel vedere come il balletto con il suo fascino sia riuscito a ‘prendere’ anche questa fascia di ragazzi. Questa originale iniziativa culturale-pedagogica è ispirata dagli obiettivi stessi dell’Associazione Balletto Classico fondata da Liliana Cosi e Marinel Stefanescu nel 1977:

“Diffondere tra i giovani la conoscenza dell’arte del balletto, quale espressione di arte e di cultura, strumento di elevazione e liberazione oltre ogni confine sociale e nazionale, momento dell’armonia e della bellezza che l’anima di ogni uomo ricerca”.

Un contributo all’armonia tra i popoli e le persone, proprio dell’arte.