Omaggio al Classico
 Tutto Ciaikovski
 Don Chisciotte
 Coppelia
 I Grandi Pas De Deux
 Balletto D'Europa
 Sinfonie in Danza
 Gala di Balletto
 Sagra della Primavera
 Conferenza Spettacolo
  In Attesa del Nuovo Tempo
 Concerto
 Omaggio A Franz Liszt
 La Pace è Bella
 Raymonda
 Ground Zero - Nuovo Giardino
 

 

“GROUND ZERO - NUOVO GIARDINO”

 in un atto

Durata 70' - 20 Ballerini

Video

 

Rassegna Stampa

 Prima rappresentazione assoluta:

11 Settembre 2002

Teatro Municipale 

Piacenza

 

Musica di Samuel Barber – Adrian Enescu – P.I. Ciaikovski

Ideazione, coreografia e regia di Marinel Stefanescu

Scene e costumi di Marinel Stefanescu

Maitre du ballet: Liliana Cosi

Realizzazione scene: Hristofenia Cazacu – Mihail Gyorgy

Realizzazione costumi: Maria Toasca

Regia video-proiezione: Pier Paolo Pessini

Capo tecnico:Massimo Della Bella

 

Questo balletto rientra nel filone delle grandi produzioni della Compagnia Balletto Classico, messe in scena per riportare nel mondo della cultura e dello spettacolo, attraverso il linguaggio artistico, quei valori indispensabili al progresso dell’umanità.  L’idea nasce dalla penetrazione e dall’immedesimazione che il coreografo trae dalle grandi problematiche di oggi.  Così i tragici eventi dell’11 settembre 2001 hanno prodotto in lui una riflessione più ampia sul dolore dell’umanità che da sempre l’ha afflitta ma che 2000 anni fa è stata assunta, condivisa, illuminata, così anche ciò che è negativo può trovare motivo e forza per trasformarsi in “armonia e bellezza”. E’ l’esperienza di ogni artista, di ogni uomo.  Da qui una speranza sottile ma indelebile che accompagna lo spettatore come messaggio finale dell’opera. Gli autori delle musiche: dall’adagio per archi di Barber alla IVa e VIa sinfonia di Ciaikovski sembrano trovare nei brani originali di Adrian Enescu la loro piena collocazione. La complessa azione coreografica ad opera di 20 ballerini s’intreccia fantasticamente coi quadri dello stesso autore in uno spazio multimediale per portare al pubblico la massima forza del messaggio. Un unico atto, un’idea che prende vita nell’unità delle arti, un gioco di corrispondenze tra pittura, poesia, danza classica e contemporanea, tecnologia e musica. Lo spettacolo vuole  essere un’occasione per far riflettere sull’inestimabile valore della Pace che deve sempre prevalere, col sostegno di tutti gli uomini di buona volontà.