images/Gif_free/uc21.gif

 
MARINEL STEFANESCU

Nativo di Bucarest, si diploma all’Accademia di ballo della sua città col massimo dei voti. Si perfeziona a Mosca al Teatro Bolshoi sotto la guida di Messerer e Iermolaiev, poi al Kirov di Leningrado col famoso M° Pushkin. Nel 1968 riceve il primo premio e la medaglia d’oro al Concorso Internazionale di Danza a Varna a parimerito con Mihail Barishnikov, e viene nominato primo ballerino all’Opera di Bucarest. Nel 1969 riceve il premio per la miglior interpretazione al 1° Concorso Internazionale di balletto a Mosca.

Comincia da allora la sua carriera internazionale, è ripetutamente invitato come artista-ospite protagonista di tutto il repertorio classico-romantico e moderno nei maggiori Teatri dell’Europa, dell’Unione Sovietica e dell’Asia. Dal 1966 al 1976 balla nei più rappresentativi galà mondiali e nei più famosi teatri di alta tradizione ballettistica con partners come: Alicia Alonso, Tessa Beaumont, Magdalena Popa, Iliana Iliescu, Natalia Makarova, Liane Daydé, Ekaterina Maximova. E’ ancora invitato più volte quale ‘danceur noble’ a Mosca al teatro Bolshoi, al Kirov di Leningrado, a Odessa e a Kiev. Nel 1976 come rappresentante della Romania, partecipa al 1° festival Internazionale del balletto a Tokio. Per quattro anni è primo ballerino dell’Opera di Zurigo. Sempre nel 1976 sposa Louise Ann Smith ed  hanno tre figlie.

Nel 1977 fonda con Liliana Cosi, l’Associazione Balletto Classico. Dal 1978 è direttore didattico della Scuola di Balletto con al suo attivo la formazione di decine e decine di ballerini oggi presenti in molte Compagnie italiane e straniere, è direttore artistico della Compagnia Balletto Classico ed il coreografo di  nuovi balletti di cui è stato in molti casi, l’ideatore, il librettista e a volte anche scenografo e costumista di gusto e talento.  Tra le sue coreografie i balletti: “Patetica”, “Romeo e Giulietta”, “Omaggio a Ciaikovski” di Ciaikovski, “Spartacus” di Kaciaturian, “Raymonda” 3° atto di Glazounov, “Petrushka” di Stravinski, “Concerto” di Rachmaninov, “Anàfura” di Adrian Enescu, “Coppelia” di Delibes”, “Don Chisciotte” di Minkus, “Risveglio di Flora” di Drigo, “Risveglio dell’Umanità” di Stravinski - Smetana - Enescu, “Radici” di Liszt - Enescu - Skriabin, “In attesa del Nuovo Tempo” di Brahms”, “Omaggio a Ciaikovski” di Ciaikovski, “Ground Zero-Nuovo Giardino” di di Barber- Enescu – Ciaikovski, spettacolo multimediale del quale è anche scenografo e costumista e in oltre diversi brani  come : “Omaggio a Degas” di Chopin, “Ave Maria” di Gounod, “Doina” su musica popolare Romena, “Sylvia” di Delibes, “Danza napoletana” di Ciaikovski”, “Suite di danze spagnole” di Albeniz, “Slanci” di George Enescu, “L’età del primo bacio” di Brahms, “Ricordo di Madre di Calcutta” di Mozart, “Il nome di Thaïs” di Massenet, “Notturni” di Chopin, “Come due Colombe” di Albinoni, “Le nozze del miracolo” di George Enescu, “Rosa Mistica” di Skriabin, “Schiaccianoci pas de deux” , “Primavera” di Vivaldi, ”Natura” e “Amore” di Mozart, “Valzer dei fiori” di Ciaikovski.  E da ultimo il balletto “Variazioni sul tema Amore” di Skriabin e Liszt.

Nel 1984 con decreto della presidenza della Repubblica, riceve la cittadinanza italiana. Molti sono i premi e i riconoscimenti a livello internazionale che gli sono stati conferiti per la sua attività artistica, didattica e per il suo genio creativo. Dal 1997  il suo interesse artistico si è rivolto anche alla pittura, raggiungendo in poco tempo una ricchissima produzione. Ha esposto sue personali a Reggio Emilia, Roma,  Bucarest, Edmonton, Milano. L’8 dicembre 2002 è stato insignito della “Stella d’oro” di Romania al valore artistico con il titolo di “Cavaliere”, da parte del presidente del suo Paese d’origine.

PDF Curriculum